Giampiero Murgia - Biografia



“Solo l'Arte può salvare l'anima” è il motto che l’artista ha coniato innanzitutto per se stesso. Esegue le sue opere ad olio e in acrilico con uno stile che lo contraddistingue e che appare di tipo marcatamente sincretista: egli attinge dalle varie correnti pittoriche ricercando i propri equilibri di cromie e di luce. Dipinge prevalentemente il sogno, il ricordo, l'inconscio e tende a stratificare le sue creazioni sotto vari  punti vista, figurativo, cromatico e simbolista. 
Nelle sue opere prevale una forte componente romantica ed onirica: riprendendo il pensiero di W.Shakespeare e cioè che “siamo fatti della stessa sostanza dei sogni”, egli sostiene che le realtà rappresenti la metafora del sogno. Nei suoi lavori traspare spesso il suo rapporto quasi mistico con l'acqua: il mare, che rivela la sua origine sarda, assurge la valenza di lavacro e di fonte inesauribile d'ispirazione. Da ragazzo sacrifica la sua passione e il suo talento naturale, che gli riconoscevano per il disegno e la pittura, anteponendo gli studi economici, gli impegni familiari e il lavoro. La sua prima opera la esegue a 15 anni a china, grafite  e  carboncino è intitolata “Il Porto”. A 33 anni esegue “Notturno Blu” e “Mare d’inverno” in tecnica ad acquerello e redige un libro dedicato alla nascita del figlio Matteo intitolato “Lettera di un padre al figlio: frammenti poetici e regioni dello spirito”. 

Dopo un lungo periodo riprende a dipingere fattivamente nel 2012 a 50 anni: sono alcune esperienze di vita legate ai dolori affettivi e familiari, alcuni istanti intensi che solcano per sempre la sua anima e che lui non esita a definirli di tipo mistico, che scatenano in lui una vera e propria febbre per l’Arte.. una vera e propria sete d’infinito, uno slancio intimista irrefrenabile per la ricerca e per la sperimentazione nelle varie modalità  creative: dipinge, compone poesie, scrive un secondo libro, promuove un’antologia di dipinti e poesie per l’Arte coinvolgendo altri artisti da lui selezionati con cura e a lui affini sotto il profilo morale e percettivo, compone un brano musicale (“Like a sweet wild night flight”), realizza numerosi videopoesie equilibrando sue poesie, dipinti, istantanee, recitazione, talvolta anche musica, con quelle di altri artisti famosi e non. Egli è totalmente autodidatta in ogni campo artistico e non ama riprodurre. Viene richiesta la sua partecipazione alle collettive d’arte contemporanee da parte di diverse e prestigiose Gallerie nazionali.  Programma la sua prima personale negli United States dopo aver accolto una proposta di contratto da parte di una Galleria di NY (Manhattan). Riceve diversi Attesti di Merito e Segnalazione d’Onore in occasione di vari concorsi di poesia e pittura indetti dall’Accademia dei Bronzi. Se gli chiedeste quale sia il suo dipinto più bello, egli vi risponderà "sarà sempre il prossimo dipinto da iniziare e questo varrà sino alla fine dei miei giorni, sino a  quando, cioè, come disse il grande C.Chaplin, “ce ne andremo tutti comunque dei semplici dilettanti". E sicuramente aggiungerebbe un commento: “il senso della vita per me quello è di riuscire a lasciare la propria traccia migliore quaggiù nel proprio cammino. Non importa il modo, non importa l’ambito, l’Arte è per me poesia che si rivela nelle più svariate modalità. L’Arte rappresenta il viatico per tutti, sia per chi la crea sia per chi la fruisce: l’Arte non è realizzare un bell’oggetto materiale ma è viverla nella quotidianità delle proprie azioni ed in ogni contesto del vissuto… è un modo per ritrovare il proprio nucleo… è una modalità di preghiera… è accostarsi al trascendente… è  percepire la presenza del divino che è dentro e fuori di noi…”. 

Pubblica un libro di narrativo intitolato “La Personalità del bozzetto” nel 2017 e nel 2019 il libro "Solchi tra le dita". Nasce l’11 luglio 1963 a Carbonia in Sardegna, vive i primi 6 anni ad Aritzo (NU). Inizia e completa i corsi di studio a Cagliari. Si laurea in Economia e Commercio a pieni voti alla L.U.I.S.S. in Roma. Trascorre gli anni tra Milano e Roma per motivi di lavoro come responsabile di diverse società di telecomunicazioni e tv, tra queste Stream, Sky, Mediaset. 

Rassegna stampa /Giampiero Murgia

L’eclettismo emozionale di Giampiero Murgia sbarca a New York

Alla galleria Artifact di Manhattan la prima personale internazionale dell’artista sardo


I Love Italy Bologna presenta Giampiero Murgia


Intervista a Giampiero Murgia in occasione della mostra collettiva "I Love Italy" presso  Palazzo Fantuzzi a Bologna

La pittura di Giampiero Murgia tra sogno e anima.. 

Intervista all'artista Giampiero Murgia in occasione della mostra presso la 809 Art Gallery di Milano

Giampiero Murgia: l’arte ai tempi del Covid19


Recensione del dipinto "Humana Fragilitas" a cura del critico d'arte Francesca Callipari

I contenuti di Youtube non possono essere mostrati in virtù delle tue attuali impostazioni sui cookie. Seleziona "Mostra contenuti" per visualizzare i contenuti e acconsentire alle impostazioni sui cookie di https://policies.google.com/privacy?hl=it. Per maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare la [politica sulla privacy] di Youtube (https://policies.google.com/privacy?hl=it). Clicca qui per ritirare il tuo consenso alle [impostazioni sui cookie] in qualsiasi momento(/redirect-to-page/bb4295ec-e359-42da-a27a-ee14ce64d2a1).

Mostra contenuti

Giampiero Murgia / Libri e Poesie

Precludersi di scrivere sarebbe forse 
come non aver vissuto abbastanza
e credere di non esserne capace solo un limite della mente...
Se fatto con sincerità serve, perfino, 
a conoscersi meglio!

G. Murgia

La Personalità del Bozzetto

Libro di narrativa edito nel 2017.
Disponibile su LaFeltrinelli, Ibs e altri store online

Solchi tra le dita

Raccolta di racconti e poesie edita nel 2019. Disponibile su LaFeltrinelli, Youcanprint, Ibs, Amazon e tutti gli store online

L'Eclettismo emozionale  

catalogo opere a cura del critico d'arte Francesca Callipari, edito nel 2018
Disponibile su LaFeltrinelli, Youcanprint, Ibs, Amazon e tutti gli store online